Nel corso dell’emergenza che stiamo vivendo, un messaggio positivo e di forte impatto è stato rappresentato

dalla grande quantità di proposte pervenute dal mondo della scuola rispetto alle imminenti commemorazioni

del 23 maggio e del 19 luglio, giorni delle stragi di Capaci e di via D’Amelio in cui persero la vita i giudici

Paolo Borsellino, Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli agenti delle proprie scorte.

Delle date, queste, che coniugano memoria e impegno e che per molti studenti e studentesse coincidono con

una nuova tappa del percorso di crescita civica da loro intrapreso, una ricorrenza in cui il bilancio di un anno

vissuto coincide con il rinnovamento di una motivazione, di una “tensione morale”

Continua a leggere...

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.